L’Archeodromo delle Madonie è un parco didattico a tema archeologico, al cui interno è stata allestita una rivisitazione delle principali innovazioni tecnologico/culturali susseguitesi nel corso della Preistoria e della Storia. Con i metodi dell’archeologia sperimentale sono stati ricostruiti gli ambienti e le attività delle varie epoche: si propone un rapporto più vivo e immediato nei confronti di quelle scoperte ed applicazioni tecnologiche che hanno permesso all'uomo di migliorare il proprio tenore di vita, e che tuttora risultano fondamentali nella nostra quotidianità. I lavori eseguiti sono coerenti allo studio-progettazione a cura della DidArcheo s.n.c., la quale ha fortemente creduto nel progetto “Archeodromo delle Madonie” che sorge presso Scillato: una cittadina del Parco delle Madonie, già nota per i suoi mulini, che vanta la facilità di essere raggiunta grazie all’uscita dedicata sull’autostrada A19 Palermo-Catania. Un parco che non lascia spazio alla noia; un parco da visitare ma soprattutto nel quale agire: gli operatori dell'Archeodromo seguiranno i visitatori (gruppi-scolaresche-famiglie) nelle varie attività, facendo loro rivivere i gesti degli uomini della preistoria tramite le “tecnologie” delle varie epoche, usando i materiali allora disponibili. Teatro dei laboratori didattici, fiore all'occhiello dell'Archeodromo delle Madonie, è il caratteristico villaggio preistoricola ricostruzione fedele di due capanne arredate con le relative suppellettili, riconducibili una all'abitato di Piano Vento (Palma di Montechiaro) e l'altra al villaggio di Roccazzo (Mazara del Vallo), crea l’ambiente ideale per riscoprire le abitudini dell’uomo primitivo. Al fine di rendere l’esperienza dell’Archeodromo ancora più interessante, all'interno dell'area è stato costruito un “pagliaio siciliano”, nel quale è possibile osservare gli attrezzi usati fino a non molti decenni fa dai contadini della nostra splendida Isola. Con queste credenziali, l'Archeodromo delle Madonie va ad inserirsi nell'ampio circuito di musei e parchi archeologici open air presenti in Italia e in tutta Europa, tesi a diffondere e valorizzare le conoscenze del passato attraverso l'approccio evocativo della living history. Le attività proposte sono state pensate sia per un pubblico di età scolaresia per un pubblico adulto.
  1. Loading ...

CONSENSO AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI Pienamente informato delle caratteristiche del trattamento e rilevato che lo stesso è effettuato nella piena osservanza del Codice della Privacy e delle autorizzazioni generali del Garante, acconsento al trattamento dei miei dati personali.
- Promozione A.S. 2015 – 2016

Dal 12 ottobre 2015 al 16 aprile 2016, le scolaresche o i gruppi di almeno 30 partecipanti alle attività, potranno usufruire dei seguenti sconti: – [...]

Read more
Vieni a scoprire le bellezze del parco didattico a tema archeologico Archeodromo dell Madonie!

Un parco-museo da vivere, da toccare, da sperimentare!
listino
Teatro dei laboratori didattici, fiore all'occhiello dell'Archeodromo delle Madonie, è il caratteristico villaggio preistorico: la ricostruzione fedele di due capanne arredate con le relative suppellettili, riconducibili una all'abitato di Piano Vento (Palma di Montechiaro) e l'altra al villaggio di Roccazzo (Mazara del Vallo), crea l’ambiente ideale per riscoprire e rivivere i gesti degli uomini della preistoria. Al fine di rendere l’esperienza dell’Archeodromo ancora più interessante, all'interno dell'area è stato costruito un “pagliaio siciliano”, nel quale è possibile osservare gli attrezzi usati fino a non molti decenni fa dai contadini di questa splendida Isola.
LO SCAVO ARCHEOLOGICO SIMULATO
Lo scavo simulato si propone di: approfondire l’importanza dell’archeologia quale fonte storica, mezzo pressoché indispensabile per conoscere gli aspetti della vita quotidiana del passato; sensibilizzare i visitatori sulla necessità di salvaguardare il patrimonio storico-culturale; fornire le conoscenze di base, teoriche e pratiche, sull’archeologia.
Laboratorio didattico - Scavo archeologico
Si articola in una prima parte teorica, che introduce alle tecniche di scavo archeologico e al recupero e al trattamento dei dati. Nella seconda fase, del tutto pratica, i partecipanti saranno impegnati in uno spazio che riprodurrà un cantiere di scavo archeologico: al suo interno, applicheranno le tecniche di scavo stratigrafico e di documentazione dei reperti. Alla fine di questa fase, si procederà all'analisi dei dati emersi dallo scavo e alla loro interpretazione.
Laboratorio - Archeo-orienteering
I partecipanti dovranno destreggiarsi in una gara di orientamento a tempo, resa più avvincente dalla risoluzione di quiz/indovinelli inerenti la natura, le ricostruzioni e le suppellettili dei vari periodi.